Homepage

Km4City: per servizi Smart City

Km4City (http://www.km4city.org) (knowledge model for the city) è una soluzione big data smart city mira a migliorare la qualità della vita abilitando la creazione di servizi innovativi, per la mobilità, la sicurezza, il turismo, la riduzione dei consumi e dei costi, e migliorando la capacità delle persone e della città di reagire a eventi avversi non previsti. Questi obiettivi ambiziosi possono essere raggiunti andando a creare servizi tramite  algoritmi di intelligenza artificiale sulla base di dati presenti nelle nostre città. Non solo gli open data, ma anche quelli di operatori di trasporto, commercio, turismo, beni culturali, educazione, meteo, ambiente; quelli che possono provenire da sensori nella città (IOT, Internet delle Cose), dai social media, e dai cittadini stessi tramite App e sistemi di partecipazione. Oltre ai dati statici che non cambiano, o cambiano raramente vi sono i dati dinamici (real time) che producono flussi continui di informazione. Sono proprio questi che suscitano maggior interesse per gli utenti finali poiché permettono di poter avere informazioni, predizioni e deduzioni in tempo reale. Per esempio con lo stato e le predizioni su parcheggi, traffico, consumi, ambiente, etc. Su tale base si sviluppano soluzioni per la diagnosi precoce di eventi critici.



Km4City è nato nel 2013 come ontologia per le smart city, in seguito la soluzione è stata adottata come base per lo sviluppo di strumenti e progetti come Sii-Mobility, RESOLUTE H2020, e REPLICATE H2020 della commissione europea. Al momento Km4City come base di conoscenza a servizi di vari progetti compre con i suoi dati tutta la Toscana in termini di informazioni stradali, punti di interesse (cultura, turismo, alloggi, ristorazione, educazione, commercio, turismo, etc. circa 300.000 POI classificati in 500 categorie), servizi di trasporto pubblico (da 16 operatori), benzinai, informazioni sul triage di ospedali, flussi traffico da circa 800 sensori, parcheggi circa 200, etc., e social media tramite TwitterVigilance (http://www.disit.org/tv), centinaia di migliaia di nuovi dati complessi al giorno.