Homepage

LIFE WEEE Tesori da Recuperare: rifiuti elettrici e elettronici


http://www.fi.camcom.gov.it/registri-albi-e-certificazioni/ambiente/life-weee-tesori-da-recuperare-rifiuti-elettrici-e-elettronici

Finanziato nell'ambito del progetto LIFE 2016, il progetto della Camera di Commercio di Firenze, Regione Toscana, Anci Toscana, Università degli Studi di Firenze, Camera di Commercio di Siviglia e Ecocerved Scarl, intende contribuire all'incremento della raccolta differenziata dei RAEE in Toscana e in Andalusia attraverso l'adozione di un nuovo modello di governance basato sul coinvolgimento delle piccole e medie industrie e dei rivenditori insieme ai Comuni.

Esiste una tipologia di oggetti che caratterizza il nostro tempo, e che una volta inutilizzabili spesso vengono gettati via senza pensarci troppo, quando invece rappresentano dei veri tesori da recuperare: sono i rifiuti elettrici ed elettronici, i cosiddetti Raee. Rifiuti altamente inquinanti, ma che contengono elementi preziosi, tanto da alimentare anche traffici illegali internazionali. 
 
Proprio di come sensibilizzare cittadini e imprese ad una corretta raccolta differenziata dei Raee si parlerà venerdì 24 novembre  nella Sala Giglio del Centro Montedomini a Firenze, con il primo evento del progetto “Life Weee”: un progetto che Anci Toscana coordina insieme alla Camera di Commercio di Firenze, la Camera di Commercio di Siviglia, i dipartimenti di Ingegneria Civile ed Ingegneria dell’Informazione dell’Università  Firenze, la società delle Camere di Commercio Ecocerved e la Regione Toscana. Obiettivo di “Life Weee”, che è finanziato nell’ambito del programma europeo LIFE, è quello di migliorare e promuovere la raccolta differenziata dei Raee in Toscana, coinvolgendo le piccole e medie imprese, per poi replicare e testare lo stesso modello in Andalusia.
 
Quanto cittadini, rivenditori e installatori conoscono diritti e obblighi per un corretto conferimento? Quali sono gli strumenti che i Comuni possono concretamente utilizzare per incentivare cittadini e imprese virtuosi? Il seminario di venerdì sarà l’occasione per provare a dare alcune risposte a queste domande. 
 
Per parlare di questo tema, saranno presenti tra gli altri Leonardo Bassilichi, presidente Camera di Commercio di Firenze; Eugenio Onori, presidente Comitato nazionale Albo Gestori ambientali; Matteo Biffoni presidente Anci Toscana e sindaco di Prato; Simona Bonafè eurodeputata e membro della Commissione per l’ambiente; Federica Fratoni assessore regionale all’Ambiente; oltre ad esperti, docenti universitari, durigenti e stakehoders.
 
Il progetto Life Weee prevede lo scambio di informazioni tra istituzioni  e soggetti privati coinvolti nella gestione dei Raee; strumenti tecnologici  per localizzare facilmente i punti più vicini dove portare i vecchi apparecchi elettrici da smaltire; sviluppo di software e linee guida per semplificare le attività amministrative e burocratiche delle imprese; realizzare campagne di comunicazione sul tema. ‚ÄčIl progetto di Anci Toscana è stato indicato come uno dei più interessanti per la promozione e lo sviluppo del sistema Raee, per raggiungere gli importanti obiettivi  previsti nella Direttiva Europea (2012/19/EU). Un altro importante tassello per supportare i Comuni nel loro percorso di sviluppo socio economico del territorio.
 
Azioni principali
• Migliorare il modello di governance regionale per incoraggiare i cittadini e le imprese a gestire con maggiore attenzione la raccolta dei RAEE e favorire la collaborazione e lo scambio di informazioni tra le istituzioni.
• Sostenere le amministrazioni locali con azioni di formazione e informazione.
• Sviluppare un sistema di servizi e incentivi per le PMI, per creare una rete di punti di raccolta capillare.
• Sviluppare strumenti IT per aziende e cittadini: un software e linee guida per la semplificazione delle attività che le imprese devono intraprendere per consentire la raccolta di RAEE e un’App che consenta agli utenti di individuare facilmente i siti di raccolta.
• Sviluppare una campagna di sensibilizzazione per cittadini e imprese.
• Replicare i risultati del progetto in Andalusia.
 
Risultati attesi
• Realizzazione degli obiettivi fissati nell’allegato V della Direttiva 2012/19/UE nel territorio della Regione Toscana.
• Coinvolgimento di almeno il 50% delle imprese in Toscana e del 75% in Andalusia che operano nella distribuzione di apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) obbligate o potenzialmente interessate alla gestione dei RAEE per aumentare il numero dei punti di raccolta.
• Coinvolgimento di almeno il 50% dei Comuni della Regione Toscana nelle attività di progetto per migliorare la qualità e la diffusione delle informazioni sui RAEE e individuare strumenti di facilitazione per le imprese.
• Semplificazione delle procedure amministrative per le imprese che si occupano della raccolta e della gestione dei RAEE attraverso lo sviluppo di specifici strumenti informatici.
• Trasferire con successo il modello di governance integrata in Andalusia.

Contatti di coordinamento:
  • Ambiente - Sezione Regionale Toscana dell'Albo Gestori Ambientali
  • Piazza dei Giudici, 3 - 50122 Firenze
  • Telefono: 055.23.92.140 (dalle 8.30 alle 11.30)
  • Fax: 055.23.92.181
  • Orari di apertura: 
  • dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 15.00

Contatti per il DISIT Lab:
paolo nesi, paolo.nesi@unifi.it

 
 
0
Your rating: None